DANTEDÌ

Stiamo attraversando un momento difficile e nella consapevolezza e volontà di superare questo periodo rivolgiamo a tutti l’appello a mettere in pratica le misure che le Autorità hanno predisposto:

RESTIAMO A CASA

e investiamo il nostro tempo per recuperare tutte le nostre forze ed energie per programmare al meglio il futuro comune.
Oggi 25 Marzo, data che gli studiosi individuano come inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia, si celebrà per la prima volta il Dantedì, la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri recentemente istituita dal Governo italiano.


Scuole, musei, parchi archeologici, biblioteche, archivi e luoghi della cultura propongono sui propri siti e social immagini, video, opere d’arte, letture della Divina Commedia per raccontare quanto il Sommo Poeta nel corso dei secoli abbia segnato profondamente tutte le espressioni culturali e artistiche dell’identità italiana.

La Fondazione de Claricini Dornpacher partecipa a questa prima celebrazione del Dantedì.
Perchè? La famiglia de Claricini Dornpacher era particolarmente interessata allo studio di Dante e della sua opera. Tant’è che, nel 1466, il conte Nicolò de Claricini editò a Cividale del Friuli un manoscritto miniato della Commedia oggi noto come il “Codice de Claricini“. Questo codice fu donato per volontà testamentaria di Giuditta de Claricini alla Biblioteca Civica di Padova insieme al cospicuo fondo librario di studi danteschi della nobile famiglia.


Nel 2021 ricorrono i 700 anni dalla morte del Poeta e la Fondazione ha presentato al Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (Mibact ) un articolato progetto celebrativo che coinciderà anche con le iniziative per i 50 anni della Fondazione de Claricini Dornpacher, istituita con lascito dalla contessa Giudita de Claricini Dornpacher nel 1971 .

Gli eventi celebrativi del DANTE 700 si articoleranno in:
1) una mostra dei sei codici della Commedia realizzati o conservati in Friuli, in collaborazione con autorevoli
Istituzioni, presso la Villa de Claricini Dornpacher
2) un convegno sui codici friulani e sulla fortuna dell’opera di Dante in Friuli dal Medioevo ad oggi, in collaborazione con l’Università degli Studi di Udine
3) concerti con musiche riconducibili al tempo di Dante sia presso la Villa de Claricini sia nei luoghi legati alla nobile famiglia in Comune di Cividale del Friuli
4) spettacoli teatrali, affidati a personalità di forte rilevanza artistica in collaborazione con Enti di settore, sia in Villa de Claricini, sia presso il Comune di Cividale del Friuli
5) attività didattiche per le scuole del Friuli Venezia Giulia, con il coinvolgimento progettuale dell’Università di Udine
6) visite guidate alla mostra dei codici miniati
7) mostre di artisti contemporanei ispiratisi alla Commedia dantesca e mostra di riproduzioni di miniature medioevali presso la Villa de Claricini Dornpacher.

RESTIAMO A CASA – PENSIAMO AL NOSTRO FUTURO

#dantedì #ioleggoDante